Sono sempre più numerosi gli adulti che scelgono di affidarsi a un dentista per risolvere problemi legati alla dentizione, ricorrendo a specifici trattamenti. Non a caso si parla proprio di «ortodonzia da adulti» quando gli interventi del dentista avvengono su persone in cui la dentizione permanente e la crescita cranio-facciale sono ormai complete.

Nonostante nell’adulto sia possibile intervenire solo sui movimenti dentali, infatti, si possono raggiungere ugualmente dei buoni risultati. In particolare, si può intervenire anche da grandi su diverse malocclusioni, ovvero su quei fenomeni che portano i denti dell’arcata superiore a non essere perfettamente allineati con quelli dell'arcata inferiore. Malocclusioni che possono essere di tipo “distemico”, quando si crea troppo spazio tra i denti e tra gli incisivi non c’è alcun punto di contatto; da “affollamento”, quando invece lo spazio è troppo poco e i denti si sovrappongono gli uni agli altri; da “sovramorso” poiché la mascella e i denti superiori si sovrappongono troppo alla mandibola e ai denti inferiori; da “morso crociato” quando i denti inferiori sporgono rispetto a quelli superiori. E ancora: possono essere da “morso profondo” se i molari chiudono tra loro ma i denti superiori coprono quelli inferiori e da “morso aperto” se i molari e i premolari chiudono tra loro ma i denti anteriori non si toccano.

In ogni caso, si tratta di disturbi che possono manifestarsi fin da piccoli, con la comparsa dei primi denti da latte – ed essere dunque congeniti -, oppure che possono derivare da cattive abitudini come il bruxismo, l’utilizzo del ciucco o il succhiarsi il pollice da bambini, ma anche dalla perdita di denti non compensata da appositi impianti.

Si tratta di situazioni che spesso generano malessere nella persona che anche in età adulta, potrebbe provare imbarazzo per il proprio sorriso senza contare che denti poco allineati sono più difficili da pulire, presentano maggior rischio di carie, malattie periodontali e rotture. Dunque, intervenire è importante.

Il trattamento sarà specifico per ogni casistica e saranno necessari esami ad hoc per capire come affrontare il problema: spesso si usano radiografie del cranio, modelli di gesso delle arcate dentarie e fotografie del volto e dei denti del paziente. Nei casi più complicati si può ricorrere a un trattamento combinato ortodontico-chirurgico. Prenota un check up senza Impegno nelle nostre cliniche per vedere lo stato di salute della tua bocca.

Taggalo in :