Spesso, infatti, si acquista un certo spazzolino perché si è attratti dalla marca o dalla tecnologia, ma sono altri gli aspetti da considerare.

La prima cosa da dover sapere è che esistono due misure di spazzolini per adulti: grande e piccola. Scegliere la misura più adatta alla propria bocca farà sì che le setole possano adattarsi meglio ai denti, consentendo una pulizia più efficace.

Il secondo aspetto da tenere presente è la conformazione dei propri denti: denti porosi che si sporcano facilmente richiedono setole più dure mentre denti molto vicini tra loro hanno bisogno di uno spazzolino dalle setole di lunghezza diversa.

Infine, le gengive: una gengiva sensibile che tende a restringersi ha bisogno di uno spazzolino delicato e a setole morbide.

Insomma, la scelta dello spazzolino è tutt’altro che banale. E la stessa meticolosa attenzione va riposta nel lavaggio: un’azione semplice, svolta tutti i giorni, per anni, per più volte al giorno, ma che non sempre è eseguita nel modo corretto. Accade, infatti, che si compia questo gesto in modo meccanico dedicando poco tempo alla pulizia. Invece, una volta impostato il giusto movimento, è il tempo la chiave per ottenere denti sani e puliti. La pulizia dei denti, infatti, non è un’azione da poter fare di fretta. Bisogna posizionare lo spazzolino su 4 denti, inclinandolo di circa 45 gradi rispetto alla gengiva, iniziare una rotazione leggera e rapida di circa 20 secondi o 10 se si parla di uno spazzolino elettrico, pulire allo stesso modo anche la parete interna e infine puntare ai molari, nella parte superiore, che sono gli unici denti da spazzolare con movimenti dritti. Il tutto, senza dimenticare di arrivare fino ai denti più nascosti.

Insomma, solo con la giusta attenzione potremo assicurarci un’efficace pulizia, un sorriso brillante e denti sani.

Taggalo in :