Ma andiamo con ordine. La Giornata Mondiale della Salute Orale è una ricorrenza voluta da FDI World Dental Federation per incentivare le persone, le comunità e le istituzioni a mettere in atto comportamenti che possano ridurre l’impatto delle patologie del cavo orale. Solo prendendoci cura della nostra bocca, infatti, riusciremo a garantirne la piena salute con effetti positivi su tutto il corpo. Ogni anno vengono coinvolti oltre 70 paesi al mondo con tante iniziative dirette al pubblico e ai professionisti del settore. Il tema scelto per quest’anno è «Think Mouth, Think Health». Una bocca sana e un corpo sano, infatti, vanno di pari passo e la campagna è pensata appositamente per incoraggiare le persone a riconoscere lo stretto legame che esiste tra la salute del cavo orale e il benessere generale dell’individuo. E uno dei target più sensibili è quello dei bambini. Per l’occasione, infatti, la FDI World Dental Federation ha realizzato una ricerca globale sulla salute orale dei bambini dalla quale è emerso che solo il 13% dei genitori porta i propri figli dal dentista prima del loro primo compleanno, il 23% aspetta che abbiano da 1 a 3 anni, il 22% lo fa tra i 4 e i 6 anni, un altro 23% aspetta i 7 anni e un incredibile 20%, addirittura, non lo fa mai.

Il 50% dei genitori che hanno portato i propri bambini dal dentista, ha detto di averlo fatto per un normale controllo. Il 29%, invece, si è rivolto allo specialista perché il bimbo lamentava un fastidioso mal di denti. Il 43% dei genitori, però, assicura di far lavare personalmente i denti ai propri figli prima di accompagnarli a letto. Una percentuale importante, ma ancora troppo bassa. Peggio va con i dolciumi: solo il 38% dei genitori limita l’apporto di zuccheri nei cibi e nelle bevande consumate dai propri figli. Infine, solo il 26% ha iniziato a lavare i denti dei propri figli fin dallo spuntare del primo dentino. Per questo, affinché tutti i bimbi possano fare dei controlli regolari, si prendano cura dei propri denti spazzolandoli ogni sera prima di dormire e seguano una dieta sana, con poco zucchero e sale. È assicurato che con queste piccole accortezze potranno garantirsi un sorriso da urlo, con meno dolori e a tutta salute. Dunque, un avvenire pieno di felicità. Proprio come raccomandato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite che nel 2012 ha istituito la Giornata Mondiale della Felicità riconoscendo che «la ricerca della felicità è un scopo fondamentale dell’umanità». E raggiungerla può essere più facile di quanto si creda. Molto spesso, infatti, la felicità risiede nelle cose più semplici, in attività rilassanti e creative, nel prendersi cura di se stessi e dei propri cari. Magari con qualche piccola accortezza in più. Iniziando, ad esempio, dal sorriso.

Per saperne di più sugli eventi organizzati per la Giornata Mondiale della Salute Orale: http://www.worldoralhealthday.org

Taggalo in :